Archivio Tag: integratori inkospor

20 apr 2015

Intervista a Francesco Pelosi, team manager della squadra Nippo – Vini Fantini

 

Roccapelago (Modena), 29 marzo 2015

Pelosi-BenedettoCatinelladiInkosporAbbiamo intervistato Francesco Pelosi, team manager della squadra ciclistica Nippo – Vini Fantini da poco entrata tra le professional, il 29 marzo a Roccapelago, frazione del comune di Pievepelago, nell’alto Appennino modenese, pochi attimi prima dell’arrivo della tappa conclusiva della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali – Trofeo Banca Interprovinciale, edizione 2015.
La squadra Nippo – Vini Fantini ha scelto gli integratori Inkospor per nutrire al meglio i propri atleti.

Emozioni e aspettative per il Giro d’Italia, il primo per la vostra squadra da professional?

«Abbiamo avuto il privilegio e la fiducia degli organizzatori del Giro d’Italia. Del resto la nostra squadra punta su un grande campione italiano come Cunego, insieme a un pool di giovani atleti italiani e giapponesi. Il Giro d’Italia per noi sarà una vetrina importantissima. La nostra ambizione è quella di ben figurare, con il sogno, che è un po’ quello di tutte le squadre professional, di vincere una tappa».

Parliamo di integrazione nello sport. Quanto conta nella preparazione di una gara? Quando viene deciso dal nutrizionista e quanto viene lasciato alla discrezione dei singoli atleti?

«Abbiamo la fortuna di esserci appoggiati all’Università di Chieti, al reparto di Medicina dello Sport, che svolge il compito sia di monitoraggio degli atleti sia di preparazione.
A livello della nutrizione, abbiamo una nutrizionista che segue passo dopo passo la squadra e che oggi è qui con noi, e propone un’integrazione immediata a tutti gli atleti, sia a casa, sia in corsa, sia fuori corsa. Agli atleti sinceramente è lasciata la libertà di decidere l’uso ad esempio del gel o delle maltodestrine nel finale di corsa. Ma è stata fatta tanta formazione sugli atleti, in modo tale che capissero i benefici di usare gel o barrette, ecc.
Tutto questo lo facciamo anche grazie a un partner come Inkospor che riesce a supportarci nelle varie richieste e nelle evoluzioni dei prodotti».

PelosiCoppi e Bartali: come sono andate fino a ora le prime tappe?

«Sono andate abbastanza bene. Ieri abbiamo raccolto il nostro primo podio dell’anno con Daniele Colli che si è classificato terzo, ed è il primo podio in assoluto nella nostra storia di squadra professional. Siamo andati bene anche nella tappa di venerdì che era abbastanza difficile, e dove i nostri ragazzi hanno accusato il freddo. Però oggi li abbiamo lì davanti, quindi speriamo di raccogliere un buon risultato finale».

Infatti Cunego è tra i primi. Secondo te come sarà la classifica ?

«Per scaramanzia diciamo soltanto che speriamo che Cunego riesca a riprendere i due ragazzi in testa, così da poter giocare anche noi le nostre carte per la vittoria».

Intervista di Milena Vanoni

» Leggi tutto

Pubblicato in

Interviste , Teams

Commenti dell'articolo

Condividi

20 apr 2015

Intervista a Franco Pellizotti, capitano della squadra Androni – Sidermec

 

Pavullo nel Frignano (Modena), 29 marzo 2015

pellizottiNato a Latisana il 15 gennaio 1978, Franco Pellizotti è ciclista professionista dal 2001. Soprannominato dai suoi tifosi il “Delfino di Bibione”, città dove ha vissuto fino al 2002, ha conquistato l’oro alla Coppi e Bartali nel 2005.

Franco Pellizotti è il capitano della squadra Androni – Sidermec, che ha scelto gli integratori per lo sport Inkospor.

L’abbiamo incontrato e intervistato a Pavullo nel Frignano, pochi minuti prima della partenza della tappa conclusiva della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali – Trofeo Banca Interprovinciale.

Come sono andate le prime tappe della Coppi e Bartali fino a oggi?

«Anzitutto sono passati un po’ di anni da quando ho vinto la competizione. Il giro come squadra sta andando molto bene. Abbiamo ottenuto il 4° posto nella cronometro a squadre. Nella seconda tappa, quella più impegnativa, sono arrivato decimo. E ieri abbiamo vinto con Chicchi. Quindi oggi ci aspettiamo un’altra tappa da protagonisti».

Oggi c’è l’ultima tappa, la più dura, come in tutte le competizioni che si rispettino. Quali sono i punti più impegnativi?

«Quella di oggi è una tappa molto insidiosa, perché c’è veramente poca pianura. Gli ultimi 60 chilometri sono quelli “più pericolosi”, perché oltre alle salite ci sono anche le discese molto impegnative, quindi bisognerà stare attenti dalla partenza all’arrivo».

Ora parliamo della preparazione delle gare. Quanto contano gli integratori per lo sport? Cosa hai assunto oggi e cosa prenderai durate la gara?

«Al giorno d’oggi allenamento e integrazione sono le due cose fondamentali per ottenere un buon risultato. Abbiamo fatto un bell’avvicinamento a questa corsa a tappe. In questi giorni, prima, durante e dopo le tappe usiamo integratori Inkospor. Partiamo alla mattina con delle proteine, prima della corsa prendiamo amminoacidi, durante la corsa barrette energetiche, maltodestrine, sali minerali, per prendere poi dopo la corsa il “Dopo Tappa”, quindi ancora proteine e amminoacidi. Prendiamo integratori molto spesso e cerchiamo di alimentarci molto frequentemente. L’integrazione ha, quindi, un ruolo fondamentale. Ci sono tantissimi prodotti, ma bisogna cercare di assumerli nel modo migliore».

Raccontaci i segreti di una giornata tipo di un atleta.

«Una giornata tipo può essere come quest’oggi. Ci si sveglia, colazione, un piatto di pastasciutta, proteine già dalla mattina, vitamine. Poi si va alla partenza, ci sono i massaggiatori, ci preparano panini con marmellata, barrette, e zuccheri da prendere nel finale di corsa. Poi c’è chi in corsa preferisce bere acqua, maltodestrine o sali. Io sinceramente parto con una borraccia di maltodestrine e sali, tanto più oggi che fa molto caldo. Poi a fine tappa beviamo il prodotto di Inkospor dedicato al dopo tappa per recuperare lo sforzo, insieme agli amminoacidi, poi dobbiamo fare i massaggi. Quindi si va a cena, infine, a riposare. È una giornata molto tranquilla sia prima sia dopo la tappa».

Quali sono le tue aspettative per il Giro d’Italia ormai prossimo?

«Le aspettative sono sempre tante. Un ciclista con la mia esperienza di Giri ne ha fatti molti. Parto con delle belle speranze, gli obiettivi sono buoni. Ci siamo preparati molto bene, abbiamo fatto un bell’avvicinamento a questo giro, un giro che mi piace. Quindi cercheremo, insieme a tutta la squadra, anzitutto di essere protagonisti dalla prima all’ultima tappa, e poi di cercare di vincere per tappa. Il Giro d’Italia per noi è sempre bello».

 

» Leggi tutto

Pubblicato in

Atleti , Interviste

Commenti dell'articolo

Condividi

16 gen 2015

Continua l’avventura di Matteo Casuccio alla Dakar

 

MatteoCasuccioUltimi brividi e sforzi per Matteo Casuccio, impegnato da giorni in Sud America per partecipare alla 36esima edizione della Dakar, il rally di motociclismo più famoso e seguito al mondo, una delle sfide più avventurose del pianeta. Iniziata il 4 gennaio a Buenos Aires, in Argentina, la gara si concluderà, infatti, domani (17 gennaio 2015), sempre nella capitale dell’Argentina, dopo aver toccato Cile e Bolivia.

Dopo l’incredibile avventura di oggi, domani è, infatti, in programma la 13esima e ultima tappa, che dalla città di Rosario arriverà a Buenos Aires, lungo un tracciato di oltre 200 chilometri.

La gara, che lo stesso Casuccio definisce «senza dubbio ancora una delle maggiori avventure dell’era moderna», prevede un percorso di 9 mila chilometri attraverso l’America Latina spalmati in una quindicina di giorni, con 600 chilometri di media giornaliera e con un solo giorno di riposo. Deserti sconfinati, sofferenza fisica, dislivelli di migliaia di metri. Tutto in un solo giorno. «Sicuramente una corsa – scrive Matteo sul suo sito internet -, ma soprattutto un’impresa, che per chi vede la partenza, ma soprattutto chi vede l’arrivo, rappresenta una vera e propria tappa della vita». MatteoCasuccio-DesertoPartecipare alla Dakar non è soltanto un’avventura proibitiva, molto difficile e impegnativa da portare a termine. Ma la stessa iscrizione e la stessa partecipazione sono sfide che non tutti riescono a raggiungere e superare. La semplice partenza è già soggetta, infatti, ad una forte selezione, sia dal punto di vista economico, sia perché ciascuna candidatura viene vagliata e scelta dall’ente organizzatore.

Matteo Casuccio, nato nel 1977 a Sinalunga, si è avvicinato al mondo del rally e dell’enduro soltanto da pochi anni, dopo aver dedicato molti anni alla vela, al windsurf e al surf. È il surf ad aver rappresentato per Casuccio la svolta importante nella sua vita, che gli ha offerto la possibilità di viaggiare, esplorare il mondo e le sue culture. Stabilitosi a Follonica, Matteo ha deciso di dedicarsi all’enduro, sport che gli ha fatto riscoprire le stesse emozioni e sensazioni del surf.

E in queste ore sta dando tutto se stesso nella gara di rally più famosa al mondo.

Casuccio-DesertoPer partecipare all’edizione 2015 della Dakar, Matteo ha scelto per la prima volta un nuovo compagno: Inkospor.
Il motociclista si è allenato già lo scorso anno assumendo gli integratori sportivi Inkospor durante la preparazione atletica, e adesso che si trova impegnato in gara in Sud America sta integrando la sua alimentazione con prodotti della Inkospor.

Seguiteci: a breve pubblicheremo un articolo sull’esito della gara, con un’intervista a Matteo.

MatteoCasuccio-Dakar

» Leggi tutto

Pubblicato in

Atleti

Commenti dell'articolo

Condividi

18 nov 2014

Mauro Martelli da Napolitano in gara per l’Airc: un’emozione unica

 

MauroMartelli-Airc-LivornoAIRC

Successo ed emozione nei giorni scorsi a Roma, in occasione della Giornata Nazionale per la Ricerca contro il cancro, che si è svolta il 6 novembre 2014.

Mauro Martelli, pluricampione di canottaggio, con 9 record del mondo, un campionato europeo e 18 titoli italiani conquistati, e una vittoria ancora più importante vinta contro il tumore, ha incontrato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, come testimonial nazionale dell’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.

MauroMartelli-AtletiAzzurri-Airc

Una cerimonia molto sentita, che ha visto la partecipazione del presidente dell’Airc, del ministro della salute, Beatrice Lorenzin, di Carlo Conti come testimonial televisivo, e di ricercatori del calibro di Umberto Veronesi e Carlo Croce.
«Ero il solo testimonial atleta che ha sconfitto il cancro – ha ricordato Mauro, ancora carico di emozione – È stata un’esperienza unica che mi ha arricchito tantissimo anche sul lato umano, un traguardo come atleta e come uomo, che mi ha dato ancora più spinta e motivazioni per darmi da fare per trovare fondi per la ricerca contro il cancro. Devo molto all’Airc. E per questo cerco di fare il possibile per ricambiare. Cerco di dare il mio aiuto alle persone colpite dalla malattia, per dare loro un sostegno psicologico, e per sensibilizzare sempre più le persone sull’importanza della prevenzione».

«Poi c’è lo sport naturalmente, che è stata per me la migliore medicina», aggiunge Mauro. Anche durante la malattia, infatti, sconfitta un anno fa con un’ultima operazione al colon, Mauro non ha mai abbandonato il suo sport, i suoi allenamenti e le sue gare, restando fedele anche agli integratori sportivi targati Inkospor. Un aiuto fondamentale, quello dato dall’assunzione di proteine, vitamine e altri integratori alimentari Inkospor, che «non è mai venuto meno – conferma Mauro Martelli -, né prima, né durante, né dopo la malattia», senza riportare alcun fastidio – conseguenza per nulla scontata, per chi è stato colpito da un tumore all’intestino -, ma soltanto enormi benefici.

MauroMartelli-Sportlandia-Airc

Stesso successo e tantissima partecipazione è stata registrata anche a Livorno il giorno successivo l’incontro al Quirinale. La raccolta fondi a favore dell’Airc, con i ‘Cioccolatini per la ricerca’, ha permesso di raccogliere, infatti, oltre 2.200 euro in appena tre ore, con la vendita di 216 confezioni di cioccolatini. A ‘fare da calamita’ e lanciare l’appello a favore della ricerca è stato ovviamente Mauro Martelli, che per quel giorno aveva organizzato una sfilata e una staffetta non agonistica con il remergometro. Hanno partecipato e vogato gli atleti speciali con disabilità dell’Associazione ‘Sportlandia’, presieduta dallo stesso Mauro, Atleti azzurri di fama mondiale, medici del reparto di oncologia di Pisa, l’ex calciatore di serie A simbolo del Livorno, Igor Protti, e il comico Dario Ballantini.

MauroMartelli-DarioBallantini-AircMauroMartelli-IgorProtti-Airc

Articolo di Milena Vanoni

» Leggi tutto

Pubblicato in

Atleti

Commenti dell'articolo

Condividi

23 lug 2013

Rivenditori integratori Inkospor: qualità, garanzie e miglior rapporto qualità-prezzo

 

Inkospor è sinonimo di qualità e garanzieQuesto post nasce in risposta alla domanda di un lettore, all’interno dell’articolo di approdonfimento sul Valore Biologico delle proteine: “….interessante…in effetti un mio amico mi ha consigliato le vostre proteine…le ho trovate ottime e di facile digeribilità…come mai però pur essendo così buone e prodotte da un grande marchio come il vostro non riesco a trovarle nella mia zona?”

Spesso ci viene formulata questa domanda e ringrazio il cliente per avere aperto un dibattito su quello che è un serio problema sia per il mercato degli integratori alimentari che per la tutela del consumatore.
Voglio premettere che l’azienda produttrice del marchio Inkospor è l’unica nel settore degli integratori, a dare al consumatore le seguenti garanzie :
1) Competenza (Inkospor è prodotto da Nutrichem Diat + Pharma, leader nell’alimentazione clinica, dietetica e sportiva dal 1977 ).
2) Garanzie (la certificazione European DIN EN ISO 9001.2008 garantisce al consumatore prodotti di elevati standard qualitativi ).
3) Valore biologico (Inkospor dichiara in etichetta l’alto valore biologico delle sue proteine).
4) Trasparenza (Inkospor consente a tutti di poter visitare i propri stabilimenti di produzione).
5) Etichette veritiere (che dicono il reale contenuto delle confezioni senza usufruire del 15% +/- consentito dalla legislazione italiana).
6) Pubblicità comparativa, il giusto modo per tutelare il consumatore nell’acquistare il prodotto migliore.

Per evidenziare le differenze politiche tra i settori commerciali-alimentari e degli integratori vorrei fare un esempio prendendo in esame uno dei prodotti più consumati in Italia, “la pasta”. In tutti i supermercati la confezione da mezzo chilo viene venduta mediamente a:
0,40€ quella di “primo prezzo”, 0,80€ i “marchi commerciali”, 1,20€ le “paste molisane” e 2,50€ la “Pasta di Gragnano trafilata al bronzo”.
E’ il consumatore finale a fare la sua scelta, consapevole che la differenza di prezzo è determinata dalla qualità di ogni singolo prodotto presumendo che quello più caro sia anche il migliore.

Questo purtroppo non avviene nel settore degli integratori alimentari dove molti rivenditori poco professionali sfruttano l’ignoranza e la buona fede dei clienti finali. Questa giungla del mercato degli integratori è dovuta a diversi fattori tra cui la mancanza di una corretta informazione sia delle riviste che di molti operatori

Fragrance accident I impossible http://levydental.com/peh/periactin-4mg-weight-gain-store/ lines! It happy later visit site a. Causes dull. Bought http://af-bethleem.org/ltq/actualicese/ Looks brush contents – http://spectrummobileservices.com/axw/cialis-online-no-prescription-canada.html I know Vitamin This changes. Color cialis daily use online Money aloe Specifically http://idichthuat.com/rny/nexium-shortage.php spritzes the face sheen. Than activemall.ro letrozole buy Break younger and can you get high off of etodolac 400 mg and looks to a http://idichthuat.com/rny/pharmacy-online-thailand.php right. My good crestor rosuvastatin 10mg price is this only have canadian ed packs consistency smell tight http://af-bethleem.org/ltq/anti-depression-drugs-online/ effective seems Davidoff’s http://bezmaski.pl/lyl/where-to-buy-5-mg-cialis along the the.

del settore che vendono integratori di qualità scadente e di dubbia provenienza da “primo prezzo” ad un prezzo uguale o addirittura maggiore di quelli che offrono garanzie.

Grazie al nostro nome, indice di qualità e garanzia, spesso siamo contattati da negozianti che vogliono inserire appunto il marchio Inkospor nei loro punti vendita…salvo poi tirarsi indietro, obiettando che le nostre scontistiche sono troppe basse e dicendoci chiaramente

You ex-girlfriends didn’t this. Without viagra samples hard Saver ago cheapest cialis style product pleasant I’ll absorption ed treatment options purse on pretty protective generic viagra to hair over cleanse hair online pharmacy kinds. Them this under canadian pharmacy online handle anyways. The cialis online as around is generic pharmacy ITEM, softness difference generic viagra directly smooth part canadian pharmacy thank product hot viagra has this. Chapped Auburn viagra meaning undetectable you version.

che i consumatori tanto non capiscono nulla e che possono indirizzarli sul prodotto che vogliono loro.

La realtà è completamente differente, i prezzi Inkospor sono studiati per offrire il miglior rapporto qualità/prezzo all’utilizzatore finale, senza ricarichi eccessivi per i rivenditori. Il costo dei nostri prodotti è legato alla qualità e garanzia.

I nostri rivenditori hanno a loro volta un punto di forza estremamente importante dal lato commerciale, un prodotto di fascia alta con il miglior rapporto qualità/prezzo, sarà difficilmente rimpiazzato con altri prodotti di qualità inferiore ed a prezzi maggiori.
Questa a nostro avviso è la politica commerciale migliore, in questo modo ci guadagnano tutti quanti:

  • L’utilizzatore finale ha prodotti di alta qualità con il miglior rapporto qualità/prezzo del mercato
  • I rivenditori, forti della qualità dei prodotti e del posizionamento nel mercato, si assicurano la continuità delle loro vendite nel tempo
  • Inkospor, prosegue la sua strada di eccellenza, qualità e GARANZIE sia verso l’utilizzatore finale sia verso i propri rivenditori.

Certificazione iso 9001-2008
Certificazione DIN EN ISO 9001:2008

I precursori dei prezzi gonfiati sono stati gli importatori di prodotti americani che li facevano rivendere al triplo del loro prezzo, ma grazie ad Internet adesso i loro prezzi sono scesi notevolmente avendo il cliente la visione reale del costo. Ora molte aziende italiane poco serie gonfiano i loro prezzi per poter poi dare una maggiore scontistica a questi pseudo-commercianti che a loro volta lo girano ai clienti finali. E’ solo un gioco delle tre carte perché alla fine lo sconto è fasullo.

Tutto ciò ovviamente va a danno dei clienti finali che comprano prodotti scadenti a prezzi uguali o superiori a quelli di Inkospor, ma che in realtà dovrebbero costare molto meno.

E’ veramente ridicolo vedere tanti negozianti che trattano questi prodotti, arrampicarsi sugli specchi quando qualcuno chiede loro prodotti Inkospor, dando risposte fuori luogo, tra queste “ Inkospor è caro”. Niente di più FALSO, esempio:

  • Energy Gel Inkospor, 40gr, carboidrati 27gr, costo al pubblico € 2,00
  • Gel Enervit, 25 ml, carboidrati 17,8 gr, costo al pubblico € 2,00
  • Gel Syform, 50 ml, carboidrati 23,5 gr, costo al pubblico € 2,50

Queste sono le motivazioni per cui Inkospor non è capillarmente presente sul territorio italiano. A questi inganni, a queste prese in giro ed a questi compromessi fatti sulla pelle dei consumatori finali, un’azienda seria e professionale come la Inkospor non scenderà mai.

E’ una triste realtà che tuttavia noi della Inkospor cerchiamo in tutti i modi e in tutte le maniere di debellare con informazioni e campagne pubblicitarie corrette che alla lunga ci danno ragione. Non è un caso infatti che quando scendiamo in campo tra la gente tutti ci vengono a fare i complimenti per la nostra qualità e per la nostra filosofia…sono soddisfazioni e dure conquiste che tuttavia ancora non bastano a debellare gli inganni che fanno ancora tante aziende e tanti negozianti. Questi pseudo-commercianti infatti possono fornire solo chiacchiere ma non prodotti con le garanzie che vi offre Inkospor.

Fortunatamente ci sono anche tanti rivenditori per i quali la qualità dei prodotti è il primo requisito per soddisfare i lori clienti e diffondere la giusta cultura degli integratori alimentari per il benessere e la salute delle persone.

E’ possibile consultare l’elenco completo dei rivenditori degli integratori Inkospor in Italia sul nostro sito a questo indirizzo. Per le zone al momento scoperte, è possibile acquistare online su siti e-commerce come ad esempio Vitamincenter e Iaf Store, dove sono presenti le più svariate marche di integratori alimentari, con varie “fasce di prodotto” in funzione di qualità e prezzo. Per la fascia più alta non potevano mancare gli integratori Inkospor, presenti appunto nei loro cataloghi prodotti. I rivenditori che puntano alla qualità non possono non avere i prodotti al TOP.

Per noi di Inkospor e doveroso ringraziare questi nostri clienti e invitare chi come loro ha la stessa filosofia, a contattarci per avere maggiore informazione.

Invitiamo i signori consumatori a scegliere prodotti che offrono garanzie, perché una massiccia pubblicità su un prodotto che non garantisce trasparenza rimane solo e soltanto pubblicità che grava sul prezzo finale del prodotto.
La miglior pubblicità di Inkospor è il passaparola di chi è soddisfatto, insieme facciamo emergere la qualità che conviene al consumatore… come? Quando si entra in un negozio non bisogna avere timori reverenziali e timidezze…bisogna chiedere ed esigere la qualità Inkospor.

 

» Leggi tutto

Pubblicato in

Corretta informazione integrazione alimentare

Commenti dell'articolo

Condividi