Archivio Tag: integratori alimentari

15 apr 2016

Protein Shake – dott.ssa Danae Pracella

 

Protein Shake Laktose Free

Con Protein Shake Laktose Free vegani, intolleranti al lattosio e intolleranti al glutine non dovranno più rinunciare al delizioso frullato proteico dopo l’allenamento.
Protein Shake Laktose Free contiene l’ 80% di proteine vegetali della soia ad alto valore biologico (115) ed è ricco in sali minerali e preziose vitamine. In più questo shake proteico è:
- privo di zuccheri aggiunti
– senza lattosio
– senza glutine
– vegano
– no OGM
– a basso contenuto di grassi, colesterolo e purine
Contiene edulcoranti e una fonte di fenilalanina.

Ingredienti: (gusto vaniglia) Proteine della soia (con sulfite), caramello istantaneo (sciroppo di zuccchero, maltodestrine), addensante alginato di sodio, aromi, edulcoranti (acesulfame K, glicosidi steviolici, aroma), niacina, acido pantotenico, vitamina B6, vitamina B2, vitamina B1, acido folico, vitamina B12. Senza lattosio (<10mg/100ml di prodotto pronto all’uso), senza glutine (

Confezione: barattolo da 450 gr

Gusto: vaniglia, latte macchiato

Chi : Particolarmente adatto per vegani, intolleranti al lattosio e al glutine. Ideale per fitness e atleti amatoriali
Quando : dopo l’allenamento o come spuntino, raccomandato tra i pasti.
Come : 2 porzioni al giorno
Preparazione : 25 gr (3 cucchiai) in 250 ml di acqua, agitare con shaker o frullatore

Gusto Vaniglia
Analisi media
Per 100 g % RDA* Per porzione
(25 g in 250 ml d’acqua)
% RDA*
Valore energetico 1569 kj (370 kcal) 392 kj (93 kcal)
Proteine 80 g 20 g
Carboidrati 1.5 g 0.38 g
Di cui Zucchero 1.0 g 0.25 g
Lipidi 3.5 g 0.88 g
Di cui acidi grassi saturi 0.52 g 0.13 g
Fibre 0.81 g 0.20 g
Sodio 1.3 g 0.33 g
Niacina 12 mg 75% 3.0 mg 19%
Acido pantotenico 6.0 mg 100% 1.5 mg 25%
Vitamina B6 2.0 mg 143% 0.50 mg 36%
Vitamina B2 1.6 mg 114% 0.40 mg 29%
Vitamina B1 1.4 mg 127% 0.35 mg 32%
Acido folico 200 mg 100% 50 mg 25%
Vitamina B12 1 mg 40% 0.25 mg 10%
*Le percentuali si riferiscono agli apporti giornalieri raccomandati
Profilo amminoacidico per 100g di proteina pura. Gusto Vaniglia.
*amminoacidi essenziali
L-Leucina* 9.3 g
L-Isoleucina* 5.5 g
L-Fenilalanina* 5.9 g
L-Lisina* 7.1 g
L-Treonina* 4.2 g
L-Valina* 5.7 g
L-Metionina* 1.5 g
L-Triptofano 1.6 g
L-Cisteina+L-Cistina 1.5 g
L-Serina 5.9 g
L-Arginina 8.6 g
Glicina 4.7 g
L-Prolina 5.8 g
L-Alanina 4.9 g
L-Acido Aspartico 13.1 g
L-Acido Glutammico + L-Glutammina 21.6 g
L-Istidina 2.9 g
L-Tirosina 4.3 g

Perché scegliere questo prodotto

Approfondimento scientifico-nutrizionale a cura della Dott.ssa Danae Pracella

Protein Shake Laktose Free è uno shake proteico ricco di proteine vegetali della soia ad alto valore biologico (115). Le proteine contenute in questo prodotto sono altamente digeribili e solubili in acqua, inoltre producono poche scorie azotate non sovraccaricando il fegato. L’aggiunta di importanti vitamine rende questo concentrato proteico un integratore completo e di ottimo livello, molto indicato per vegetariani e vegani che spesso presentano una carenza della vitamina B12. E’ inoltre specialmente consigliato per persone intolleranti al lattosio e al glutine.
Qual è il vantaggio di scegliere le proteine derivanti dalla soia e il Protein Shake Laktose Free rispetto ad altri integratori proteici?
La soia e gli alimenti derivati dalla soia vengono consumati da millenni nei paesi orientali, soprattutto in Cina. Invece, nei paesi occidentali la produzione e il consumo della soia è notevolmente incrementato negli ultimi dieci anni, soprattutto dopo l’approvazione della FDA (ente americano che vigila su alimenti e farmaci) nel 1999, di un’indicazione sull’etichettatura per le proteine della soia nella prevenzione della malattia coronarica.
Le proteina della soia costituiscono una valida alternativa alle proteine animali. Tra i diversi vantaggi ci sono:
- l’abbassamento dei livelli di trigliceridi, colestorolo totale e colesterolo LDL
- minore incidenza di malattie cardiovascolari e diabete tipo 2
- presenza di isoflavoni

Diversi studi hanno mostrato che le proteine della soia contribuiscono ad abbassare i livelli di trigliceridi nel fegato e nel sangue, così come il colesterolo totale e colesterolo LDL (colesterolo cattivo) nel sangue. Questo può contribuire a una minore incidenza di malattie coronariche, arteriosclerosi e diabete di tipo 2.
Le proteine della soia contengono isoflavoni, dei fitoestrogeni che agiscono analogamente agli estrogeni. Sono stati condotti numerosi studi che evidenziano gli effetti positivi degli isoflavoni della soia nelle donne in menopausa, influenzando positivamente l’equilibrio del calcio nelle ossa.

» Leggi tutto

Pubblicato in

Corretta informazione integrazione alimentare , Medicina dello sport , Notizie , Proteine

Commenti dell'articolo

Condividi

1 dic 2015

Intervista a Nicola Vizzoni, il più forte atleta italiano di tutti i tempi nel lancio del martello

 
Nicola Vizzoni

Nicola Vizzoni, capitano della nazionale di atletica, da oltre 15 anni utilizza gli integratori Inkospor durante gli allenamenti e durante le competizioni sportive. È il più forte atleta italiano di tutti i tempi nel lancio del martello. Nel corso della sua lunga e brillante carriera, ha conquistato 28 titoli nazionali, una medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Sydney 2000 e una medaglia d’argento agli Europei di Barcellona nel 2010. Ora, a più di 40 anni, sogna le Olimpiadi di Rio.

Nicola, attualmente sta gareggiando?

«Purtroppo no. Dopo uno stop forzato dovuto a un’infiammazione al gomito, da qualche mese ho ripreso gli allenamenti in vista della prossima stagione.»

Quante ore si allena ogni giorno?

«Durante l’arco della settimana, alterno giornate in cui mi alleno per circa 3 ore a giornate in cui svolgo due sessioni di allenamento per un totale di circa 5 ore di preparazione atletica.»

Che ruolo hanno in tutto questo gli integratori della Inkospor?

«Ho iniziato ad utilizzare i prodotti Inkospor nel 1999/2000. Sono più di quindici anni. Ritengo siano ottimi sia per l’apporto energetico sia per il recupero muscolare. Sono digeribilissimi e non appesantiscono.»

Quali integratori utilizza maggiormente?

«Prima dell’attività sportiva utilizzo principalmente gli aminoacidi ramificati X-TREME BCAA. Dopo gli allenamenti, invece, utilizzo sia  l’X-TREME AMINOSTRONG, un pool amminoacidico particolarmente indicato per il recupero muscolare, sia  l’X-TREME WHEY PROTEIN, proteine che contengono un’alta percentuale di aminoacidi essenziali e a catena ramificata (BCAA). Sempre per il recupero muscolare, adopero l’X-TREME CREA WHEY, integratore alimentare di ultima generazione con proteine, vitamine, magnesio, creatina e pepto pro per una rapida assimilazione. Non ultimo, utilizzo l’X-TREME RECOVERY DRINK per il recupero fisiologico. Durante la giornata utilizzo anche l’X-TREME CREATINE, utile per ottenere maggiore energia e per il recupero muscolare. Per finire, faccio cicli di Active Balance Oméga 3 per contrastare infiammazioni e dolori muscolari.»

Perché ha scelto questo marchio di integratori?

«Ho scelto gli integratori della Inkospor perché Yuri Diolaiti, amico e commerciante di integratori alimentari, me li ha consigliati per la loro qualità, per le loro certificazioni e per la trasparenza della Nutrichem Diät + Pharma GMBH (azienda produttrice della Inkospor), tutte garanzie offerte dal marchio tedesco.»

Per finire, quali sono i suoi obiettivi futuri?

«Mi sto allenando a pieno ritmo per raggiungere quanto prima la forma fisica migliore. Il mio prossimo obiettivo sono le Olimpiadi di Rio del 2016. Chiudere in questa maniera sarebbe un sogno che coronerebbe la mia carriera di atleta».

Auguriamo a Nicola Vizzoni di realizzare questo sogno e lo ringraziamo per il tempo che ci ha dedicato.

Lo staff Inkospor

» Leggi tutto

Pubblicato in

Atleti , Atletica , Interviste

Commenti dell'articolo

Condividi

3 set 2015

Stop alla collaborazione tra Inkospor e il Team Beraldo Green Paper Biomin dopo la positività al doping di Cunico

 
BenedettoCatinella

Risale a questi giorni la decisione di Inkospor Italia di recedere dal contratto con la squadra ciclistica Team Beraldo Green Paper Biomin. Lo stop alla collaborazione tra il marchio di integratori per lo sport e la squadra vicentina segue la notizia della positività ai test anti-doping riscontrata lo scorso 2 agosto nell’atleta Roberto Cunico.

L’atleta, secondo quanto notificato dal Tribunale Nazionale Antidoping, è risultato positivo all’Eritropoietina Ricombinante nei controlli effettuati in occasione della Granfondo Sestriere La Marmotte. Il Team Beraldo Green Paper Biomin ha già provveduto a dissociarsi pubblicamente dalla condotta dell’atleta. In attesa del pronunciamento definitivo del Tribunale Nazionale Antidoping, la squadra ha comunque allontanato Cunico dal Team. La decisione è stata presa dal Team, come ha dichiarato ufficialmente la squadra, «per coerenza con la propria etica sportiva» e con il proprio «credo in uno sport pulito e lontano da pratiche scorrette».

La condanna al comportamento dell’atleta è stata espressa anche dall’amministratore di Inkospor Italia, Benedetto Catinella, fermamente contrario all’assunzione di sostanze dopanti. Per coerenza con la propria etica, Benedetto Catinella ha interrotto ogni tipo di collaborazione esistente con il Team Beraldo Green Paper Biomin.

La stessa condotta era stata seguita dall’amministratore di Inkospor Italia già un mese fa. Nei primi giorni di agosto, infatti, Inkospor ha interrotto il contratto in essere da quattro anni con la squadra Androni-Sidermec. La decisione, anche in quel caso, era stata dettata dalla notizia della positività ai test anti-doping di due atleti.

«Sono molto dispiaciuto che ben tre atleti, in così poco tempo, siano risultati positivi ai test anti-doping – dichiara l’amministratore di Inkospor Italia Benedetto Catinella -. La decisione di interrompere i rapporti con entrambe le squadre, l’Androni-Sidermec prima e il Team Beraldo Green Paper Biomin ora, è senza dubbio sofferta. Ma la nostra etica professionale ci impone di prendere le distanze da simili situazioni. Speriamo così facendo di contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica su quanto l’utilizzo di sostanze dopanti sia un danno per tutti: atleti, team, partner e per lo sport in generale. Come ho già più volte affermato, ritengo che il doping dovrebbe essere considerato un reato di truffa, perché chi ne fa uso defrauda gli altri corridori che gareggiano in modo pulito, e inganna i tifosi e lo sport».

» Leggi tutto

Pubblicato in

Ciclismo

Commenti dell'articolo

Condividi

10 lug 2015

Leonardo Olmi campione italiano nella gara in linea

 

Olmi-GaraLinea-ArrivoTerza vittoria della stagione ciclistica per il giornalista Leonardo Olmi. Nei giorni scorsi Olmi si è aggiudicato il titolo di Campione italiano in linea. Un titolo che è andato ad aggiungersi all’oro conquistato nel Campionato italiano Cronometro a Coppie (17 maggio 2015 Argelato, Bologna), e al titolo di Campione italiano Mediofondo, Coppa della Stampa (7 giugno 2015 Bagno di Romagna).

La competizione in linea, organizzata da ASD Futur Bike e da ACSI, era riservata esclusivamente ai giornalisti e si è svolta a Servigliano nelle Marche, nel weekend del 20 e 21 giugno 2015. La gara in linea aveva una lunghezza complessiva di 60 chilometri, su un tracciato che ripercorreva per cinque volte il circuito degli Assi, ossia un anello di 12 chilometri, con partenza e arrivo nel centro di Servigliano, attraversando i centri di Montegiorgio e Falerone.

La gara per i giornalisti ha inizio. Scrive lo stesso Leonardo Olmi: «In un attimo scendiamo mentalmente dalla sedia del cronista che commenta una gara e ci sediamo fisicamente in sella alla bici, rendendo reale in prima persona ciò che di solito raccontiamo a voi che ci leggete. Ci sembra di sognare, ma, invece, è tutto vero, adesso lì in sella ci siamo noi, e quindi dobbiamo fare sul serio, lasciando la penna o la tastiera del pc immaginaria e impugnando manubrio e leve reali».

Olmi si è aggiudicato il primo premio per la sua categoria (pubblicisti veterani) nonché il primo posto assoluto. La vittoria per il giornalista è arrivata dopo una fuga a tre nell’ultima salita, e dopo aver percorso gli ultimi sei chilometri di gara in testa al gruppo, per poi tagliare il traguardo al primo posto, trionfando a braccia alzate. «Non chiedo cambi – scrive Olmi mentre racconta la sua esperienza in sella alla bicicletta -, e sull’ultimo strappo mi alzo sui pedali e per la prima volta taglio per primo il traguardo. Adesso anch’io posso dire di sapere cosa si prova ad alzare le mani al cielo».

Olmi-GaraLineaIn questa come in tutte le altre competizioni cui partecipa, Olmi si è affidato agli integratori per lo sport Inkospor, sia per preparare la gara, sia durante lo svolgimento, sia nel post gara.

Ad attendere Leonardo Olmi ci sono adesso i Campionati Mondiali per giornalisti di Oudenaarde, in Belgio, nelle Fiandre, in programma a settembre. «Come fatto fino a ora – spiega Olmi -, mi affiderò ancora ai prodotti Inkospor per arrivare preparato anche a quest’ultimo importante appuntamento annuale».

» Leggi tutto

Pubblicato in

Eventi

Commenti dell'articolo

Condividi

16 giu 2015

Leonardo Olmi vince ancora: oro alla sesta edizione della Granfondo del Capitano di Bagno di Romagna, Coppa della Stampa

 

LeonardoOlmi-Giugno2015 Il giornalista Leonardo Olmi si è aggiudicato un’altra vittoria sulle due ruote.

Questa volta Olmi ha conquistato l’oro nella Granfondo del Capitano di Bagno di Romagna, Coppa della Stampa, arrivata quest’anno alla sua sesta edizione e disputatasi il weekend del 6 e 7 giugno 2015.

La gara ciclistica, organizzata dal Comitato “Le Strade del Benessere”, si è corsa lungo le strade dell’Appennino Tosco-Romagnolo, nel Parco delle Foreste Casentinesi, con partenza e arrivo nel centro storico di Bagno di Romagna.

Tra le gare ciclistiche del fine settimana, domenica 7 giugno si è disputata anche la Coppa della Stampa, con una categoria riservata ai giornalisti italiani, e una riservata ai giornalisti stranieri, ed effettuate entrambe sul percorso di medio fondo, lungo 95 chilometri e con quasi 2.000 metri di ascesa.

Per quanto riguarda la Coppa della Stampa riservata ai giornalisti italiani, il titolo di Campione Italiano Mediofondo è andato a Leonardo Olmi, che con un tempo di 3 ore, 9 minuti e 25 secondi si è aggiudicato l’oro tra i pubblicisti. Andrea Manusia ha, invece, vinto il titolo tra i giornalisti professionisti, con un tempo di 3 ore, 28 minuti e 54 secondi.

Per quanto riguarda i giornalisti stranieri, l’International Press al Cup è andata al russo Sergey Kurdyukov (Ufficio Stampa Rusvelo), con un tempo di  3 ore, 13 minuti e 7 secondi.

Olmi-6e7giugno2015Il miglior tempo tra i giornalisti sportivi in gara è, quindi, andato a Leonardo Olmi.

Un ringraziamento da parte del giornalista è andato ancora una volta agli integratori per lo sport Inkospor, che l’hanno supportato per la preparazione della gara e durante lo svolgimento effettivo della competizione.

«Di nuovo devo ringraziare Inkospor per la qualità e l’affidabilità dei prodotti e quindi per l’integrazione alimentare, cui mi affido attraverso i consigli e il supporto di Inko Italia», ha concluso Olmi.

» Leggi tutto

Pubblicato in

Eventi

Commenti dell'articolo

Condividi